Feed RSS YouTube Flickr
Mi piaceva Mi piacerebbe
Winciamo Il progetto per Milano
Ricarica video
PlayMilano è il cambiamento
PlayMilano Libera Tutti
PlayTerra, vado via
PlayLe officine di Pisapia
PlayGianfranco Maris
16 SET 2014
CondividiFaceBookTwitter

E’ morto Bernardo Secchi

Ho saputo adesso che poche ore fa è morto Bernardo Secchi, dopo una breve malattia.
Non so cosa scrivere, né perchè.
Ripubblico quanto avevo scritto qualche settimana fa, in occasione del suo 80 compleanno.

Oggi Bernardo Secchi compie 80 anni. Sto andando in #Triennale ad ascoltare un suo dialogo con Arnaldo Bagnasco e Salvatore Veca a proposito de “La città dei ricchi e la città dei poveri” (è il titolo del libro più recente di Secchi).
Attorno a Bernardo, insieme alla sua famiglia, saremo oggi in un folto gruppo di allievi. Allievi diversi: per età e soprattutto per cultura, per formazione, per scelte di vita.
Mi sono chiesto più volte le ragioni di questa diversità.
La risposta, semplicissima, è che i veri Maestri non insegnano a replicare sé stessi, ma un metodo -del tutto particolare- per valorizzare le proprie propensioni e passioni intellettuali.
Per far questo, i Maestri regalano ai loro allievi una loro personalissima selezione di pensieri, di testi, di libri.
Ed è proprio grazie a questa rete di concetti, che molto assomiglia ad una particolare forma di Enciclopedia, che gli allievi imparano a costruirsi una prospettiva sul mondo, e magari a insegnare a loro volta. Perché questi concetti non sono teorie chiuse, ma soprattutto dubbi e angolature e nuovi scorci sul mondo. Sono utensili per capire, non soluzioni già collaudate.
I concetti che Bernardo ci ha offerto attraverso centinaia di libri e autori, sono insieme il regalo più grande che ci ha fatto e il patrimonio che tutti noi condividiamo.
Tantissimi auguri, Bernardo e grazie!

16 SET 2014
CondividiFaceBookTwitter

Bosco Verticale: siamo tra i 5 possibili vincitori!

La Giuria del premio “International Highrise Award” che ogni due anni premia l’edificio alto più bello e innovativo del mondo, ha selezionato il Bosco Verticale tra i 5 progetti tra cui il 19 gennaio a Francoforte sarà scelto il vincitore.
A contendersi il premio -oltre al Bosco Verticale di Boeri Studio- Rem Koolhaas e OMA (con il De Rotterdam Building), Jean Nouvel (Barcelona and Sidney towers) e Steven Holl (Sliced Porosity Block, in Chengdu).
Sono felice per Milano, per Expo e ringrazio chi ha promosso e sostenuto il nostro progetto. Il Bosco Verticale è il primo esempio al mondo di una torre che arricchisce di biodiversità vegetale e faunistica la città che lo accoglie.
Incrociamo tutte le dita!!

12 SET 2014
CondividiFaceBookTwitter

Virgilio Sieni e i Cenacoli Fiorentini

Sono entrato stasera nel refettori di sant’Apollonia a Firenze, mentre la compagnia di Virgilio Sieni metteva in scena “I Cenacoli Fiorentini – Grande Adagio Popolare”. Sullo sfondo del grande affresco di Andrea del Castagno il pubblico ruotava attorno a tre gruppi di attori: una bambina, una anziana coppia, un gruppo di corpi avvinghiati. Il movimento lento struggente dei corpi di ” donne, uomini, madri, figli, artigiani, danzatori, lavoratori, filosofi” sembrava staccare le figure dell’affresco e avvolgerci in una sola contemporaneo concertazione. Emozionante. #estatefiorentina continua.

11 SET 2014
CondividiFaceBookTwitter

mia madre su Klat Magazine

http://www.klatmagazine.com/architecture/cini-boeri/14000

10 SET 2014
CondividiFaceBookTwitter

#estatefiorentina intervista oggi sul #corrieredellasera firenze

Tutti gli articoli »