Feed RSS YouTube Flickr
Mi piaceva Mi piacerebbe
Winciamo Il progetto per Milano
Ricarica video
PlayTerra, vado via
PlayLe officine di Pisapia
PlayMilano è il cambiamento
PlayMilano Libera Tutti
PlayGianfranco Maris
26 LUG 2015
CondividiFaceBookTwitter

Una foresta di montagne

Una foresta di montagne.
Il territorio di WanFang Lin, nella provincia di Guizhou ai margini sud-occidentali della Cina, ospita più di 26mila picchi boschivi alti dai 200 ai 400 metri, affiancati per centinaia di ettari e appoggiati su una distesa di campi coltivati.
Una pianura cangiante nei colori, letteralmente cosparsa da picchi e punteggiata da imbuti naturali che scendono per decide di metri nel sottosuolo. Milioni di anni fa le onde del mare lambivano con le onde la foresta di picchi alberati.
I villaggi dei contadini, abitati dalle minoranze etniche Bu Yi e Miao segnano i bordi netti tra natura e cultura: tutto ciò che è orizzontale è agricoltura, tutto ciò che è verticale è natura.
Vincolata solo in una piccola parte dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità, la WanFeng Lin è un miracolo di purezza topografica, ancora in gran parte sconosciuto al turismo,.
Come progettista del Bosco Verticale e del concept plan di Expo (l’Orto Botanico Planetario), sono stato chiamato dalle Autorità locali di Xing Yi a concepire il grande Parco Naturale che vincolerà definitivamente questo paesaggio straordinario (non si potrà più cosrtuire ma solo recuperare gli antichi villaggi, sarà proibito entrare in auto) e a suggerire l’architettura di un villaggio/foresta di cultura, musei e alberghi, dove accogliere i visitatori prima di entrare nel Parco. E di una scuola internazionale di Paesaggio, una scuola dove sarà la Natura a insegnare, attraverso l’esperienza personale e diretta della sua ricchissima immanente presenza.
Quando durante la cerimonia di firma dell’accordo, il Governatore della Provincia e il Sindaco di Xing Yi hanno parlato di Milano come di una città coraggiosa, che sta sperimentando e esportando nel mondo nuovi modelli di interazione tra natura e architettura, mi sono emozionato.

25 LUG 2015
CondividiFaceBookTwitter

skyline Architetti per Milano

Parlando di #Skyline (che va in onda tutti i giovedì 20,30 su #SKYarteHD), Aldo Grasso oggi sul Corriere parla di Milano. Di una città dove -come dice Peter Eisenman nella puntata andata in onda ieri- “storia e modernità convivono da sempre..e non si trova mai nulla di fine a se stesso, c’è sempre la percezione di un senso del luogo che si conserva”
Ringrazio Aldo Grasso per il commento così positivo – e ricordo che il ciclo di 6 monografie TV a cui partecipo, è nato in occasione di @MiArch, il ciclo annuale di lezioni pubbliche inaugurato nel 2013 in occasione del 150* anniversario del Politecnico di Milano, grazie al sostegno del Rettore @GiovanniAzzone.
Il programma #Skyline Architetti per Milano è ideato e curato da @AlessandraGalletta e @MaddalenaBregani, con il coordinamento di @LauraTonicello; ed è prodotto dalla casa di produzione indipendente LAGALLA23. Se avete perso la puntata di ieri, la trovate su #SKYGO , come tutte le puntate della serie.

17 LUG 2015
CondividiFaceBookTwitter

intervista su Milano, Linkiesta.it​

http://www.linkiesta.it/intervista-stefano-boeri-pisapia-milano

17 LUG 2015
CondividiFaceBookTwitter

quale dopoExpo per Milano?

una mia intervista a cura di Gianni Barbacetto​ e Marco Maroni​ su Il Fatto Quotidiano, oggi.

15 LUG 2015
CondividiFaceBookTwitter

Mi030 con il Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca

#Mi030 : ieri un incontro pieno di idee, sorprese e impegni con il Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca, a cui è stato presentato il Manifesto con le 10 visioni e i 30 progetti per il 2030 elaborato il 6 giugno in cima alla Diamond Tower da 1500 milanesi tra i 15 e i 25 anni.
“Milano è sempre stato un laboratorio di idee, all’avanguardia rispetto al resto di Italia. Partono da qui le soluzione ad alcuni problemi che poi tutte le altre città prendono ad esempio. E’ il momento per tutti di avere un coraggio sociale. Sporchiamoci le mani e scendiamo in campo. Tutti insieme, io e voi, lavoreremo per migliorare questa città. E’ affascinante, e suggestivo il vostro dibattito sulla Milano del futuro. E’ giusto avere visione, ma bisogna stare con i piedi per terra. Io sono con voi. Lavoreremo insieme a partire dalle prossime settimane. Sicuramente riusciremo a realizzare quello che voi avete progettato”.
Così il Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca, ha concluso l’incontro con i protagonisti di #Mi030, rendendosi disponibile ad organizzare un tavolo di lavoro comune, affinché questo documento non rimanga uno dei tanti dossier su uno scaffale, ma sia un punto di partenza per concretizzare le idee vincenti del Manifesto.

Tutti gli articoli »